Acquistare vino al supermercato

Fino a pochi anni fa gli appassionati abituati ad acquistare il vino in enoteca non vedevano di buon occhio la vendita di vini nei supermercati. Oggi, però, il supermercato richiama una clientela sempre più numerosa. Acquistare vino in un supermercato è ormai un’abitudine diffusa e gli scaffali dei reparti alimentari offrono spesso una rassegna abbastanza completa della produzione nazionale (e talvolta anche estera), sia pure con differenze di assortimento. Non mancano, a volte, anche i grandi vini.

 

Molti vini e alcuni di qualità

Nell’ambito dei vini ordinari, la scelta è ampia. La missione dei compratori che operano per la grande distribuzione consiste nel trovare vini a prezzi contenuti, i cui produttori siano abbastanza importanti da poter assicurare grandi forniture. Per affermare il nome della catena di distribuzione nel settore del vino, le bottiglie proposte devono essere irreprensibili, garantite da denominazione e marche conosciute. Nonostante i grandi volumi siano assicurati dai vini comuni, si assiste a una presenza crescente anche di vini di alta qualità, che rappresentano una sorta di “vetrina” per promuovere le vendite. Fino a non molto tempo fa, per cercare vini dai nomi prestigiosi, sarebbe stato inconcepibile comparire nei medesimi luoghi in cui si vendono pelati e detersivi, ma le abitudini dei consumatori e dei commercianti sono cambiate: il cliente guadagna tempo e denaro concentrando i propri acquisti, mentre il supermercato è stato costretto a migliorare l’ampiezza e la qualità della propria offerta, anche ne reparto vino.

 

Prezzi vantaggiosi

Senza dubbio i prezzi sono interessanti. I compratori della grande distribuzione sono nella posizione ideale per ottenere dai fornitori condizioni vantaggiose: una forza commerciale senza confronti e la possibilità di scegliere tra un’infinità di proposte. Attraverso trattative durissime, riescono spesso a spuntare contratti in esclusiva e quasi sempre a prezzi inferiori a quelli che potrebbe ottenere un privato rivolgendosi direttamente al produttore. il peso della rete distributiva è tale, che il produttore è costretto talvolta ad accettare condizioni di vendita prossime al costo di produzione. Ma il consumatore è soddisfatto dei prezzi proposti. Il solo rischio che si corre è quello di un eventuale calo di qualità. Tra due vini dello stesso tipo, infatti, i compratori della grande distribuzione sono obbligati a scegliere non il migliore, ma quello che assicura il margine maggiore al distributore. Anche i grandi classici sono oggetto talvolta di offerte promozionali che consentono di acquistare un vino importante a prezzi vantaggiosi e in alcuni casi addirittura sottocosto. A volte, infatti, capita che vengano offerti dai supermercati vini di pregio a prezzi “civetta” per invogliare i consumatori. Le bottiglie proposte dalla grande distribuzione sono identiche a quelle che si possono acquistare in enoteca o dal produttore. È comunque sempre opportuno esaminare attentamente le etichette verificando, oltre alle usuali indicazioni (denominazione d’origine, annata, etc.), la località di imbottigliamento (che deve essere effettuata direttamente dal produttore e non dal distributore).

 

I punti critici

La cura nel trasporto, nell’immagazzinamento e nell’ordinamento delle bottiglie nei supermercati rappresenta un problema delicato, sollevato a più riprese dai cultori del vino. Costoro criticano, in particolare, le cattive condizioni di conservazione (calore, luce violenta, bottiglie sistemate in piedi, vibrazioni), ma anche lo stesso criterio del self-service che consente ai clienti di maneggiare liberamente le bottiglie. Tali contestazioni, sicuramente fondate, vanno tuttavia attenuate, tenendo conto anche di altri elementi. Le bottiglie acquistate dalle catene della grande distribuzione seguono spesso un percorso più lungo di quello che le condurrebbe presso un’enoteca, a causa della divisione nei vari lotti destinati ai singoli punti vendita, ma nulla prova che il vino sia irreparabilmente danneggiato da questi trasferimenti. È possibile che l’immagazzinamento nei depositi delle succursali non sia perfetto, ma è relativamente breve. Gli scaffali in cui sono esposti i vini non possono certo competere con quelli di una cantina ideale. Soprattutto gli Champagne e gli altri spumanti risentono dell’esposizione prolungata alla luce (possono prendere, in poche ore, quello che i francesi chiamano “gusto di luce”). Tuttavia, la rapidità dello smercio compensa l’inadeguatezza della sistemazione: la rotazione dei magazzini è tale che il contenuto delle bottiglie raramente risulta danneggiato a causa della precarietà della presentazione.

 

Un’attenzione particolare

Oggi, inoltre, alcuni grandi magazzini cominciano a migliorare l’ambiente dei reparti destinati ai vini di qualità (luce attenuata, sistemazione al riparo dai rumori, bottiglie coricate) e assumo specialisti per sorvegliare l’approvvigionamento e l’ordinamento delle bottiglie secondo le denominazioni. In conclusione, in enoteca, oltre al rapporto e alla consulenza importante dell’enotecario, si è sicuri di trovare vino correttamente conservato e di qualità garantita, Tuttavia la grande distribuzione non va scartata a priori, ma usata con intelligenza, per acquistare vini buoni ma ma non eccezionali (che peraltro sarebbe difficile reperire in questi canali distributivi) o per sfruttare le autentiche “occasioni” che a volte vi si possono trovare.

 

Le buone occasioni

Le settimane promozionali e le fiere del vino organizzate dalle catene della grande distribuzione, in occasione della vendemmia o delle festività di fine anno, costituiscono una buona occasione per acquistare bottiglie di pregio a prezzi interessanti. La vendita dei vini in cassette a prezzi molto scontati, avendo fini soprattutto promozionali, lascia margini assai ridotti al venditore, ma mette ottimi vini alla portata di chiunque, Per essere certi di fare un vero affare, è consigliabile acquistare una singola bottiglia, degustandola a casa propria, prima di ritornare a comprare la cassetta posta in offerta.

 

Lascia un commento