Acquistare vino dal produttore

La viticultura è profondamente radicata nel territorio e l’acquisto presso i produttori rappresenta un’occasione per ricercare e conoscere, oltre al vino, i luoghi e gli uomini che lo fanno nascere. Gran parte della produzione vinicola, in specie quella dei vini DOC e DOCG, si sottrae al modello industriale. Non perché la coltivazione e la vinificazione escludano di per sé il ricorso alle tecniche moderne, ma perché i vinificatori amano sottolineare la specialità dei propri prodotti. La degustazione acquista così una dimensione culturale di ricerca di modi diversi di trattare il vino. D’altra parte, anche i paesaggi e la storia delle regioni vinicole incoraggiano a compiere viaggi “di scoperta”.

 

Un interesse culturale

Visitare le zone vinicole significa penetrare nei luoghi in cui nasce il vino. Significa memorizzare senza sforzo la geografia, la collocazione dei vigneti, le località, l’architettura e i metodi di vinificazione. ma significa soprattutto incontrare i viticoltori e assaggiare i loro prodotti. i viticoltori spiegano le proprie intenzioni, giustificano le proprie scelte e, naturalmente, vantano la qualità dei propri vini.

 

La degustazione presso il produttore

La degustazione proposta dai viticoltore segue una sapiente progressione sottoposta a un’unica regola: il nuovo vino proposto non deve mai far rimpiangere il precedente. Ovviamente, il produttore conosce bene i propri vini e non si sbaglia. Questa progressione conduce inevitabilmente al vino migliore, ma anche, certamente, al più caro. Bisogna saper resistere. Bisogna anche diffidare di se stessi, giacché nelle cantine l’atmosfera è simpatica; ma, come tutti sanno, i risultati delle degustazioni sono soggettivi, quando queste non sono eseguite “alla cieca”. Anche se si ama abbinare vini e prodotti del territorio, sarà bene evitare di mangiucchiare ciò che talvolta viene proposto, come formaggio o noci. Queste ultime hanno la facoltà, che deriva dalla loro astringenza naturale, di cancellare o almeno coprire gli eventuali difetti del vino. Si comprende bene, allora, che il viticoltore e l’amante di vini (in altre parole, il venditore e l’acquirente) non perseguono il medesimo fine e che ciascuno deve fare la sua parte. Dopo queste doverose precisazioni, bisogna convenire che non esiste migliore scuola, nè occasione più simpatica, per conoscere il vino, della degustazione condotta sul posto. Potrete avere così anche l’opportunità di scoprire vini non distribuiti dai canali commerciali abituali. Ancora un consiglio: la degustazione presso il produttore è spesso gratuita. Non abusatene: rappresenta un costo non trascurabile per il produttore, che comunque non potrà aprire per voi le sue bottiglie più vecchie.

 

Il prezzo d’acquisto

I prezzi praticati direttamente dal produttore sono generalmente interessanti, in quanto si evitano gli intermediari. La regola ha tuttavia delle eccezioni. Quando i vini sono venduti anche dalla grande distribuzione, può capitare di pagarli più cari presso il produttore. In alcuni casi, per non danneggiare i rivenditori locali, loro principali clienti, i produttori applicano un prezzo superiore a quello finale di mercato. un certo numero di produttori di gran marca, infine, non vende direttamente ai privati.

 

Lascia un commento